Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.
Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE ATA

Relativamente al personale ATA, si applicano, per effetto dell’entrata in vigore del nuovo contratto, le disposizioni in materia di responsabilità disciplinare di cui al titolo V del CCNL 2019-21 sottoscritto definitivamente all’Aran il 18 gennaio 2024.
Il suddetto Codice disciplinare, che si applica a decorrere dal quindicesimo giorno successivo alla sua pubblicazione, è normato dall'articolo 25:

Art. 25 del CCNL 2019-21: Codice disciplinare Personale ATA


NUOVO CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI

Con il Decreto del Presidente della Repubblica n. 81 del 13 giugno 2023, dal 14/07/2023 è in vigore il nuovo Codice di Comportamento dei dipendenti pubblici, che introduce modifiche al precedente codice di cui al D.P.R. 62 del 2013,dando attuazione all’articolo 4 del decreto-legge 30 aprile 2022, n. 36, convertito con legge 29 giugno 2022, n. 79, di attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza. 

Il nuovo Regolamento apporta modifiche sostanziali agli articoli dedicati al comportamento in servizio dei dipendenti pubblici, ai rapporti con il pubblico, alla formazione sulla tematica dell’etica pubblica, e inserisce specifiche disposizioni per i Dirigenti della Pubblica Amministrazione.

Il nuovo codice non si limita solamente a dare alcune linee guida per il comportamento dei lavoratori nel settore pubblico, ma introduce precise regole a proposito dell’utilizzo dei mezzi informatici e digitali. Novità rilevanti riguardano l'utilizzo dei social.

Nuovo Codice di Comportamento dipendenti pubblici

 


NORMATIVA PRECEDENTE

Il decreto legislativo n. 150/2009 nel modificare l’art. 55 del d.lgs. n. 165/2001 ha stabilito che “La pubblicazione sul sito istituzionale dell'amministrazione del codice disciplinare, recante l'indicazione delle infrazioni e relative sanzioni, equivale a tutti gli effetti alla sua affissione all'ingresso della sede di lavoro”.

Il C.C.N.L. Scuola Triennio 2016-2018, sottoscritto in via definitiva il 19/04/2018, dedica il Titolo III alla responsabilità disciplinare.
Per quanto riguarda il personale docente, l’articolo 29 rinvia ad un’apposita sequenza contrattuale da concludersi entro il mese di luglio 2018.
Per quanto riguarda il personale ATA, l’articolo 10 precisa che le disposizioni in materia di responsabilità disciplinare di cui al predetto Titolo si applicano al personale ausiliario tecnico e amministrativo delle istituzioni scolastiche ed educative.
Codice Disciplinare Personale ATA - Nuovo contratto CCNL 2016-18

 

 

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL MIUR

Con decreto ministeriale 30 giugno 2014, n. 525 è stato approvato il Codice di Comportamento dei dipendenti del MIUR, che, in ottemperanza a quanto previsto dall'art. 54 del D.Lgs. n. 165/2001 così come sostituito dall'art. 1, comma 44 della L. 190/2012 recante "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica Amministrazione", integra e specifica il Codice di Comportamento dei dipendenti pubblici di cui al DPR n. 62/2013.
Le norme contenute nel Codice si applicano a tutto il personale dipendente ed in servizio presso il MIUR (Amministrazione centrale e periferica), ivi compreso quello con qualifica dirigenziale, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e determinato, a tempo pieno e a tempo parziale, nonché il personale comandato. Inoltre, i doveri di comportamento e gli obblighi di condotta del Codice si applicano altresì, ai collaboratori o consulenti con qualsiasi tipologia di contratto o incarico a qualsiasi titolo, ai titolari di organi e incarichi negli uffici di diretta collaborazione del Ministro; ai dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo di imprese e ditte fornitrici di beni o servizi in favore dell'amministrazione e che svolgano la propria attività all’interno del Ministero o presso gli USR.
La violazione degli obblighi previsti dal Codice integra comportamenti contrari ai doveri d'ufficio ed è fonte di responsabilità disciplinare nonché, nei casi previsti, di responsabilità penale, civile, amministrativa o contabile.

Codice Comportamento dipendenti MIUR